di circolomanifestotrieste

I tagli ai Patronati nella legge di Stabilità
La protesta  dell’Inca si estende sui social network: manda un twitter a Renzi
Manda un twitter a Renzi #PiùTagliMenoDiritti. E’ l’invito dell’Inca alle cittadine e i cittadini che non vogliono rinunciare all’assistenza gratuita previdenziale e socio assistenziale offerta dai Patronati, duramente compromessa dalla riduzione delle risorse ad essi destinati prevista nella legge di Stabilità. Anche se il Senato ha ridotto il taglio da 48 a 28 milioni di euro, per l’Inca resta ancora forte la preoccupazione rispetto alle conseguenze che inevitabilmente ricadrebbero sulla tenuta dell’unica rete di solidarietà vicina alle persone. “Né conforta – spiega Morena Piccinini, presidente del patronato della Cgil – l’avvenuta pubblicazione in Gazzetta Ufficiale dei decreti applicativi legati alla riforma promessa lo scorso anno, con i quali si vogliono rendere onerose alcune delle prestazioni, finora fornite dai Patronati in forma gratuita. E’ ora che il Governo faccia chiarezza. Con i tagli ai fondi, costantemente intaccati da cinque anni, prima con tagli di 90 milioni di euro dal 2010 al 2013, poi con altri 35 milioni dello scorso anno, non si fa nessuna buona riforma. Anzi, si spiana la strada a un mercato dei servizi dove i cittadini più bisognosi di tutela saranno costretti a pagare per prestazioni cui hanno diritto per legge”.
Leggi articolo >
La protesta contro i tagli ai Patronati si estende a Londra
Proprio mentre la presenza dello Stato italiano all’estero, con i suoi servizi e la sua rappresentanza, viene meno, occorre riconoscere l’utilità dei Patronati. E’ questo in estrema sintesi il messaggio che inviano al governo e al Parlamento Roberto Stasi, segretario PD Londra, Marisa Pompei, presidente Inca Cgil Regno Unito, Malchiorre Roberto Nola, coordinatore Inas Cisl, Giuseppe Chiappetta, coordinatore delle Acli Regno Unito e Massimiliano Carducci, coordinatore Ital Uil.
Leggi articolo >
Tagli ai Patronati: a Torino presidio di protesta alla Prefettura
Oltre 300 lavoratori hanno partecipato al presidio di Cgil, Cisl, Uil, Acli, Inca, Inas, Ital del 19 novembre scorso davanti alla prefettura. Molti di loro hanno indossano una pettorina con la scritta sulle spalle “Con i tagli ai patronati vogliono rottamare i tuoi diritti”.
Leggi articolo >
Una firma contro i tagli dei fondi ai Centri di Assistenza Fiscale
Con la petizione pubblicata su change.org chiediamo ai Parlamentari della Repubblica Italiana di cancellare il comma 3 dell’articolo 33 del Ddl Stabilità che prevede la riduzione dei fondi per i servizi di assistenza fiscale.
Leggi articolo >
Per l’Inps il “Cittadino al centro!”, ma leggete come si comporta 
In Italia, la domanda di pensione è obbligatoria perché, se non viene presentata, la prestazione non viene erogata automaticamente; inoltre, se si verifica un ritardo nella presentazione rispetto a quando si è maturato il diritto, la pensione  viene pagata solo dal mese successivo a quello della domanda, con la conseguente perdita degli arretrati.
Leggi articolo >
Patronato INCA CGIL – Sede Centrale
a cura di Lisa Bartoli e Sonia Cappelli Area Comunicazione
Via G.Paisiello,43 – 00196 ROMA | Tel. +39 06 855631| Fax +39 06 85352740 | E-mail info@inca.it | C.F. 80131910582
Annunci