di circolomanifestotrieste

Trieste 6 maggio 2015

 

“Viviamo in un contesto sociale dove il numero degli anziani è in aumento. Forse vale la pena di comprendere meglio i vissuti e le rappresentazioni che circolano in questa fase di età: per creare rappresentazioni nuove e facilitare il vivere.

 

Il lavoro non è un saggio ma si situa a cavallo tra narrativa e formazione.

Dà il piacere del racconto perché narra storie vere ma è anche formativo: perché il lettore si può rispecchiare (anch’io come lui/lei ho provato questi sentimenti…); perché fornisce alcuni strumenti formativi resi “concreti” nelle storie (se lui/lei ha fatto così, allora anch’io…); perché induce riflessioni di tipo pragmatico ed etico.

In sintesi, è un libro che parla di “peso e di leggerezza” e dà il primato alla leggerezza che trova la forza in un’altra visione o, come scrive Calvino in “Lezioni Americane”, in una visione indiretta.”

 

Ti aspetto. Grazie

Area degli allegati

Trieste 6 maggio 2015.pdf

 

Annunci