Stagione del Cineforum dell’Associazione “Tina Modotti” 2013-2014

di circolomanifestotrieste

 

 

L’Associazione “TINA MODOTTI” di Trieste (Via Ponziana, 14 – 1° piano, presso la Casa del Popolo) Vi invita alla nuova stagione del Cineforum 2013 – 2014.

 

Vi inviamo pertanto la programmazione dal 2 ottobre al 18 dicembre che si incentrerà sui temi:

 

 

1) “Nel capitalismo finanziario“;

 

 

2) “I mostri:repressione, violenza e sogni spezzati“;

 

 

3) “Utopie nell’Ottocento: Risorgimento e Anarchia” (questo ciclo proseguirà nel gennaio 2014).

 

Questi e gli altri temi che verranno, vogliono coniugare la riflessione sui sentimenti, sulla storia e sul presente politico, con immagini di sicuro impatto, portatrici di visioni potenti della realtà. Tragedie e commedie ci faranno riflettere sui lati oscuri della storia che, paradossalmente, potranno illuminare il nostro cammino. “Guardare insieme” immagini in movimento è un atto che permette di mettere in comune sensazioni e pensieri, anche solo condividendo uno stesso luogo. Anche i film sono contenti, quando gli esseri umani si incontrano…

 

 

I film, nelle date indicate (sono tutti dei mercoledì), avranno inizio alle 20.30 e saranno preceduti da brevi introduzioni. Eventuali cambiamenti verranno prontamente comunicati.

 

 

Per accedere alle proiezioni occorrerà essere in possesso della tessera 2013 F.I.C.C. (Federazione Italiana dei Cine Club) disponibile all’ingresso (10 € + 5 € di iscrizione all’Associazione “Tina Modotti”, che consente di partecipare anche alle altre attività culturali).

 

Si ricorda che la tessera annuale F.I.C.C. dà diritto anche alla visione delle proiezioni programmate dai Circoli affiliati:

 

  • Charlie Chaplin, c/o Casa del Popolo “G. Canciani”, via Masaccio, 24;

  • Lumière, c/o Circolo Grbec, via di Servola, 124;

  • Stella Alpina, via Biasoletto, 10;

  • Metropolis, c/o Knulp, via Madonna del mare, 7/a.

 

 

2013

 

Primo ciclo “Nel capitalismo finanziario”:

 

 

2 Ottobre: J. C. Chandor, “Margin call” (2011, 107’)

 

Il film si svolge nell’arco di 24 ore presso una banca di investimento e si concentra sulla crisi finanziaria del 2007 – 2010. Eric Dale, uno dei capi settore di una grossa banca di credito finanziario, viene licenziato in tronco. Ha solo pochissimo tempo per prendere i suoi effetti personali ed andarsene. Fa in tempo però a consegnare una chiavetta USB al giovane analista Peter Sullivan dicendogli di fare attenzione. Peter, dopo che i suoi colleghi di lavoro sono usciti, scopre che i dati che emergono dai file di Eric dicono che la banca, appoggiandosi su azioni virtuali, ha le ore contate. Sullivan mette in allarme le alte sfere e si convoca nella notte una riunione di emergenza. Bisogna decidere in tempi rapidissimi il da farsi, o il crollo dell’istituto sarà verticale.

 

 

9 Ottobre: Andrea Molaioli, “Il gioiellino” (2011, 105’)

 

La Leda è una grande azienda agro-alimentare, un vero “gioiellino” secondo il suo fondatore, Amanzio Rastelli che si fida ciecamente di alcuni collaboratori, tra cui il ragioniere Ernesto Botta. Rastelli ha una visione all’antica della proprietà di una azienda e talvolta modifica i conti. La nipote di Rastelli, Laura viene affiancata al ragionier Botta e le cose sembrano andare bene. Il mercato internazionale però richiede anche di saper rinunciare quando gli investimenti non sono redditizi. Rastelli si rifiuta di farlo e mette in pericolo l’intera azienda. Quando ormai l’azienda è data per spacciata, i dirigenti cominciano a nascondere parte del capitale in conti e investimenti privati, per garantirsi una certa sicurezza economica quando il caso esploderà. Botta e Rastelli non accettano di vederla morire e decidono di falsificare i bilanci. Ma l’operazione non risulta credibile.

 

 

23 Ottobre: Oliver Stone, “Wall street 2” (2010, 133’)

Dopo aver trascorso un lungo periodo in prigione, Gordon Gekko torna ad essere un uomo libero, ma viene spiazzato da un mondo completamente diverso da quello che una volta era ai suoi piedi. Sperando di poter recuperare il rapporto con la figlia Winnie, egli stringe un patto con il fidanzato di quest’ultima. Ma Winnie e Jake non tarderanno a capire che Gekko è ancora il manipolatore di un tempo, che non si ferma davanti a nulla pur di raggiungere i suoi obiettivi.

 

 

Secondo ciclo: “I mostri: repressione, violenza e sogni spezzati”

 

 

6 Novembre: Marco Bellocchio, “Sbatti il mostro in prima pagina” (1972, 82’).

 

Mentre si svolge una campagna elettorale carica di tensione e scandita da scontri, incidenti di piazza e manovre di palazzo, in periferia viene trovato il cadavere della sedicenne Maria Grazia Martini. Ben presto, per motivi politici, un quotidiano di destra in combutta con la polizia costruisce il mostro scovando il colpevole tra gli ambienti della sinistra extraparlamentare. Sbatti il mostro in prima pagina è un film che fotografa un preciso momento storico ma che è anche un’opera di scottante attualità, in quanto affronta il tema dei rapporti della stampa con il potere politico.

 

 20 Novembre:Gianni Amelio, “Colpire al cuore” (1983, 105’)

 

Primo film di Amelio, sceneggiato con Vincenzo Cerami ed ambientato nella cupa Milano dei primissimi anni Ottanta. Emilio, figlio di Dario, docente universitario di sinistra, è un adolescente studioso e introverso che vive con insofferenza i rapporti confidenziali del padre con i suoi ex studenti, tra cui Sandro Ferrari. Quando Sandro viene ucciso ad un posto di blocco in uno scontro a fuoco, Emilio si reca dai carabinieri a raccontare che il giovane frequentava la loro casa. Sarà l’inizio di un’incrinatura che cambierà profondamente i rapporti tra padre e figlio fino all’arresto di Dario, denunciato dallo stesso Emilio.

 

 

4 Dicembre: Pasquale Squitieri, “Gli Invisibili” (1988, 99’).

 

Agli inizi degli anni Ottanta Sirio, operaio delle acciaierie di Terni con un passato nelle lotte studentesche, decide di abbandonare il proprio lavoro per militare in un gruppo di estrema sinistra. Benché dichiaratosi contrario alla lotta armata in seguito alla decisione da parte di alcuni elementi del gruppo di compiere azioni terroristiche, viene arrestato. Nonostante non ci siano prove della sua colpevolezza, a Sirio viene promessa la libertà solo se parlerà: avendo rifiutato, il giovane sarà trasferito in un carcere di massima sicurezza dove incontrerà alcuni compagni e il Professore. La vita nel carcere speciale sembra essere migliore rispetto a quella del penitenziario fin quando, in seguito a una rivolta, viene ristabilito il massimo rigore.

 

 11 Dicembre:Carlo A. Bachschmidt, “Black block” (2011, 77’).

 

Lena e Niels arrivano da Amburgo, Chabi da Saragozza, Mina da Parigi, Dan da Londra, Michael da Nizza, Muli da Berlino. Sette storie diverse accomunate dall’aver condiviso la protesta contro il G8 di Genova nel 2001 e del trauma che ne è seguito. In questo documentario il regista racconta le loro vite, il motivo che li hanno spinti a impegnarsi in politica, la partecipazione alle giornate del Luglio 2001, le violenze subite, il rientro e la scelta di tornare a Genova per testimoniare ai processi. La loro vita, e quella di tantissim* altr*, è radicalmente cambiata da quei giorni, ma non gli ideali.

 

 

Terzo ciclo “Utopie nell’Ottocento: Risorgimento e Anarchia”:

 

 

18 Dicembre: Luigi Magni, “Nell’anno del Signore” (1969, 105’)

 

A Roma, nel 1825, il compito di reprimere i tentativi rivoluzionari è affidato al cardinale Rivarola e al colonnello Nardoni. Quando il ciabattino Cornacchia viene a sapere che don Filippo Spada ha denunciato i compagni, avvisa due carbonari che aggrediscono Spada per ucciderlo, riuscendo soltanto a ferirlo. Giuditta cerca di indurre i due congiurati ad abbandonare Roma, ma inutilmente. Catturati, essi vengono riconosciuti e arrestati. Il processo si conclude con la loro condanna a morte. Alle aspre accuse di Giuditta, Cornacchia rivela di essere il temuto Pasquino. Cornacchia, conscio che senza l’appoggio popolare non si fanno rivoluzioni, si ritira in un convento mentre sulla pubblica piazza Montanari e Targhini vengono ghigliottinati.

 

 

Con amicizia,

 

 

Associazione “Tina Modotti”

 

 

Annunci